Circolo Arci di Riccò

"Antonio Guatelli"

I cippi della memoria per i caduti per la libertà

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

BELLA CIAO!

"La mia forma di preghiera è stare con gli ultimi, ogni giorno.

E poi ogni mattina prego cantando: questa mattina mi son svegliato, o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao ...

Ma si sa, io sono Partigiano e amo i canti di Libertà"

Don Andrea Gallo – Partigiano

“Nan”

https://www.youtube.com/watch?v=do5gaOIAPYQ

La disputa sulla nascita di questa canzone ci porta dal cinquecento alle mondine, passando dal piemonte, al trentino, al veneto ed ovviamente alla Resistenza.

Dal 1947, quando un gruppo di partigiani emiliani la cantò al primo festival mondiale della gioventù democratica a Praga, è tradotta in tutte le lingue e – soprattutto – cantata quale simbolo delle nuove Resistenze e delle lotte per la Libertà.

Da sempre questo canto conserva la capacità di suscitare adesione, emozione e coinvolgimento al di là di confini, nazioni, sistemi di governo e persino delle differenze culturali e delle lingue.

E’ probabilmente per questo motivo che Bella ciao è universale anche nel fastidio che provoca in quei sedicenti moderati che non vogliono essere messi di fronte a certe scelte fondamentali, come ad esempio da quale parte stare di fronte ad un sopruso



Torino maratona web


La musica ribelle

LA MUSICA RIBELLE

"E' la musica, la musica ribelle/Che ti vibra nelle ossa/Che ti entra nella pelle/ Che ti dice di uscire/Che ti urla di cambiare/Di mollare le menate/ E di metterti a lottare"

Eugenio Finardi


Anche la Musica abbraccia la Resistenza. I canti "partigiani" raccontano la Resistenza: la genesi, il quotidiano, lo scontro, a volte la lotta di classe. A volte vi sono commistioni con la musica colta, ma certamente è musica popolare nel senso più autentico del termine, che racconta di slanci giovanili, di generosità. Di una incrollabile fiducia nella vita, nel futuro, nella Libertà

In questo breve elenco - che non ha ambizioni filologiche, né storiografiche - vi sono riletture "rock" di quelle canzoni e nuove interpretazioni originali di quegli anni.

La scelta "rock" - in senso molto lato - è dovuta in qualche misura al fatto che questo "movimento" forse perché colpevole di nuove chitarre elettriche a decibel impossibili, balli azzardati, minigonne e capelli lunghi fu "liquidato" alla nascita come movimento "ribelle" (e di breve durata).

Nonostante tutto regge ancora al peso degli anni perché oltre al genere musicale e di costume, ha cambiato il modo di pensare, di vivere, capace di raccontare e di raccontarsi

Non di rado è stato capace di rileggere il passato Lo ha fatto raccontando la nostra Storia, anche quella della Resistenza, con parole e musiche nuove, riuscendo nel tentativo di dare nuova veste alla "Musica Ribelle"

Buon ascolto Giulio, ANPI Fornovo di Taro


Alle barricate (M.Severini - S.Severini) - GanG

https://www.youtube.com/watch?v=Uo0Il4EMsx4

1922 E' l'alba del fascismo. A Parma è sciopero Generale e poi barricate. La Resistenza cittadina, dopo cinque giorni, respinge l'orda fascista I GanG, ospitati varie volte a Fornovo Taro, sono un gruppo marchigiano.

Ci avete incatenato (Anonimo) - FEV

https://www.youtube.com/watch?v=NThSofFe5mc

Canzone di anonimo autore comunista, databile intorno al 1926 fu adottata e modificata successivamente dalla Resistenza La canzone, si ritiene, abbia avuto i natali a seguito del rafforzamento delle cosiddette “leggi fascistissime” e per l’istituzione del famigerato Tribunale speciale per la sicurezza dello Stato a seguito dell'attentato subito da Mussolini a Bologna il 31 ottobre 1926 ad opera dell'anarchico Anteo Zamboni L’attentato, i cui contorni non vennero mai ben chiariti, fornì il pretesto per l’arresto di Gramsci, di Bordiga, di Terracini, Scoccimarro, Roveda e tanti altri

Fischia il vento (Felice Cascione - Blanter - Isakovskij) - Partgianos

https://www.youtube.com/watch?v=G9QNLaNXoKQ

Immortale canzone partigiana italiana scritta dal poeta e medico ligure Felice Cascione 'U Megu' nome di battaglia di Felice, decorato della medaglia d'oro al valor militare, fu fucilato il 27.01.1944 da una colonna 356a divisione di fanteria tedesca e fascisti annessi I Partigianos sono formazione punk brasiliana

Fischia il vento (Felice Cascione - Blanter - Isakovskij) - Partgianos

https://www.youtube.com/watch?v=G9QNLaNXoKQ

Immortale canzone partigiana italiana scritta dal poeta e medico ligure Felice Cascione 'U Megu' nome di battaglia di Felice, decorato della medaglia d'oro al valor militare, fu fucilato il 27.01.1944 da una colonna 356a divisione di fanteria tedesca e fascisti annessi I Partigianos sono formazione punk brasiliana

Festa d'aprile (Sergio Liberovici e Franco Antonicelli)- Yo Yo Mundi

https://www.youtube.com/watch?v=A7MxKDfmp3k

Canzone del 1948 racconta il giungere di Aprile La canzone si base degli stornelli trasmessi da Radio Libertà , emittente clandestina attiva nella provincia di Biella Yo Yo Mundi, un gruppo folk rock piemontese

Dalle belle città ("Cini" - "Lanfranco")- Gian Piero Alloisio

https://www.youtube.com/watch?v=w6NiDV31v0s

Inno della III Brigata d'assalto che opera nell'Alessandrino e della Brigata Mingo che opera nel Genovese Ha genesi singolare: attribuita Emilio Casalini "Cini" e Angelo Rossi "Lanfranco" composta durante un turno di guardia, su carta da pacchi. Il video dedicato alla strage della Benedicta, avvenuta tra il 6 aprile e l'11 aprile 1944: esecuzione sommaria di novantasei partigiani appartenenti alle formazioni garibaldine, oltre 150 caduti e 351 deportati ad opera di fascisti e militari tedeschi Gian Piero Alloiso, cantautore genovese

Versione di Cisco e Bandabardo Dalle belle città ("Cini" - "Lanfranco")- Cisco e Bandabardò https://www.youtube.com/watch?v=H4Ctku8RP3U

Cisco è un cantautore modenese, Bandabardò è un gruppo folk fiorentino

La brigata Garibaldi (Bisi - Pellicciara)- GanG

https://www.youtube.com/watch?v=aav_m1woR80

Inno e manifesto delle Brigate Garibaldi, deve i suoi natali a gruppo di partigiani di Reggio Emilia Riproposta dai F.lli Severini nell'album Rossa Primavera del 2011

Compagni fratelli cervi (tradizionale) - Coro Selvatico Popolare

https://www.youtube.com/watch?v=FxUsWIiJ5xs

Inno del distaccamento partigiano "Fratelli Cervi" a cui si devono anche le parole sull'aria della canzone irredentista Dalmazia Interpretato dal Coro Selvatico Popolare nel luglio del 2018 durante la consueta Pastasciutta Antifascista a Casa Cervi

La pianura dei 7 fratelli (M.Severini - S.Severini)- Le Primule Rosse & La Brigata Lambrusco

https://www.youtube.com/watch?v=BjrVHFV9j7Y

Canzone originale dei F.lli Severini del 1995 racconta di Agostino, Aldo, Antenore, Ettore, Ferdinando, Gelindo e Ovidio In questa versione cantata dai gruppi Le Primule Rosse (Torino) & La Brigata Lambrusco (Reggio Emilia) "I figli di Alcide non sono mai morti ..."

Pietà l'è morta ("Nuto" - tradizionale) - Primule Rosse

https://www.youtube.com/watch?v=pXK6nZ-bxJE

Da un aria tradizionale utilizzata dagli alpini nella prima guerra mondiale (successivamente in Russia e in Albania) deve il testo al partigiano "Nuto" Revelli scritto nella primavera del 1944 Le Primule Rosse sono un gruppo musicale di Torino

Guardali negli occhi (il bersagliere a 100 penne) - csi

https://www.youtube.com/watch?v=W1O_4staw5U

Guardali negli occhi è una canzone dei CSI che si conclude con una "ripresa" adattando il testo de "Il bersagliere ha cento penne", canzone diffusa tra i partigiani che operavano sulle montagne liguri Dal concerto in onore e memoria di Beppe Fenoglio, Alba 5 ottobre 1996. I Consorzio Suonatori Indipendenti sono un gruppo di Reggio Emilia

Al Dievel (M.Ghiacci e A.Cottica) - MCR

https://www.youtube.com/watch?v=WZJFTJaI-XM

Canzone originale dei Modena City Ramblers (1996) dedicata a Germano Nicolini, comandante Diavolo "Al Dievel" Ã ̈ tra i protagonisti della Resistenza in Emilia e divenne sindaco di Correggio dopo la seconda guerra mondiale. Nel 1947 venne accusato ingiustamente dell'omicidio di Umberto Pessina e fu condannato a 22 anni di carcere, ma ne scontÃ2 solo 10 grazie a un indulto. Fu scagionato in modo definitivo solamente nel 1994 Nel novembre 2000 l'allora ministro per le politiche comunitarie Gianni Francesco Mattioli chiese pubblicamente perdono a Nicolini per l'operato del padre, Pietro, Pubblico Ministero al processo di Perugia del 1947 Oggi, con noi, a cento anni, festeggia il XXV Aprile

13 (P.E. Archetti Maestri) - Yo Yo Mundi - GanG

https://www.youtube.com/watch?v=uoRJqEqrVdM

Canzone originale dei Yo Yo Mundi (2005) è dedicata alla Banda partigiana denominata "Tom" dal nome di battaglia Antonio Olearo, detto Tom (Medaglia d'oro al Valor Militare alla memoria), attiva tra il Monferrato Casalese e l'Astigiano. Catturati il 14 gennaio 1945, durante un rastrellamento, furono incatenati l'un con l'altro, seminudi e scalzi, i prigionieri vennero obbligati a marciare nella neve sino al Mulino della Ghenza. Torturati con crudeltà e poi uccisi sul selciato del poligono di tiro, all'interno della Cittadella di Casale, i loro cadaveri rimasero due giorni insepolti nella neve, sorvegliati dai soldati per impedire ai familiari di celebrarne i funerali.

Oltre il ponte ("Santiago") - Ashpipe

https://www.youtube.com/watch?v=HtK2ZODGfPU

Poesia di Italo Calvino, partigiano "Santiago", dedicata alla figlia Giovanna, ricorda la sua militanza nella Resistenza e la necessità di tramandare alle future generazioni gli ideali ed i valori alla base della scelta della Resistenza partigiana. Gli Ashpipe sono un gruppo punk di Volpedo (AL)

Il sentiero (MCR) - MCR

https://www.youtube.com/watch?v=lszelZUAGgI

Brano inedito dei Modena City Ramblers ispirato al primo romanzo di Italo Calvino "Il sentiero dei nidi di ragno", libro ambientato all'epoca della lotta di Liberazione partigiana e fortemente autobiografico. I MCR sono un gruppo folk

Aprile (M.Severini S.Severini) - GanG

https://www.youtube.com/watch?v=9LDeVQrcEpQ

Canzone originale dei F.lli Severini è contenuta in "Rossa Primavera" 13° album dei Gang E' un Cammino lungo i canti della Resistenza. Un Cammino che ripercorre le tracce più significative e passa per la migliore canzone dall’autore italiana ispirata dalla lotta contro il nazi-fascismo e contro i nuovi e i vecchi fascismi

Pane, giustizia e libertà (M.Priviero) - Massimo Priviero

https://www.youtube.com/watch?v=_O24hs3ODgw

La canzone di Massimo Priviero, estratta dall'album "Dolce Resistenza" (2006) è la storia del partigiano "Nuto" Revelli Ufficiale degli alpini della Tridentina nella tragedia della campagna di Russia, a questa Nuto si rifece quando divenne uno dei primi organizzatori della resistenza armata nel Cuneese. ChiamÃ2, infatti, "Compagnia rivendicazione Caduti" la prima formazione partigiana da lui messa insieme, prima di portare i suoi uomini nelle formazioni di Giustizia e Libertà . Dopo aver condotto numerose azioni di guerriglia ed aver superato l’inverno tra il 1943 e il ‘44 ed i rastrellamenti della primavera, Nuto Revelli assunse il comando delle Brigate Valle Vermenagna e Valle Stura Carlo Rosselli, inquadrate nella I Divisione GL. Con queste forze, nell’agosto del 1944, riuscì a bloccare in una settimana di scontri durissimi i granatieri della XC Divisione corazzata tedesca, che puntavano ad occupare il valico del Colle della Maddalena. Secondo alcuni storici, fu proprio grazie all’eroismo degli uomini di Giustizia e Liberà comandati da Nuto che gli Alleati riuscirono ad avanzare sulla costa meridionale francese, per liberare, il 28 agosto 1944, la città di Nizza. Nei giorni della Liberazione, Revelli comandÃ2 la V Zona Piemonte.

Massimo Priviero è cantautore marchigiano

Dante Di Nanni (Stormy Six) - GanG

https://www.youtube.com/watch?v=My8TXeI1Dl0

Canzone originale degli Stormy Six (1975) ripercorre la vita di Dante Di Nanni nato a Torino il 27 marzo 1925, caduto nella stessa città il 18 maggio 1944, motorista, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria. 8 settembre del 1943 Dante, insieme all’amico Francesco Valentino, poi impiccato dai fascisti in corso Vinzaglio a Torino, inizia la lotta contro i nazifascisti in una piccola banda nelle vicinanze di Boves. Muore il 18 Maggio, a diciannove anni, colpito da sette proiettili al ventre, alla testa e alle gambe.

Ma mì (G.Strehler - F.Carpi) - Arpioni

https://www.youtube.com/watch?v=hTTYtjF645A

Canzone di Giorgio Strehler (1962) Sembra che il testo sia autobiografico. Nel 1944 fu catturato dai nazifascisti e incarcerato per sette giorni. Questa esperienza ha ispirato la canzone, che racconta di un partigiano arrestato e internato al carcere di San Vittore che non tradisce i suoi compagni. "Mi parli no!"

Gli Arpioni sono un gruppo ska di Bergamo

Il partigiano John (Africa Unite)- Africa Unite

https://www.youtube.com/watch?v=KRyKKIIXzIs

Brano originale degli Africa Unite, composto per il progetto 'Materiale resistente' (1995). Il partigiano John è in realtà Francesco Raviolo, nonno di un componente il gruppo musicale (Madaski), partigiano appartenente alla Brigata Garibaldi, piemontese, ucciso in uno scontro a fuoco mentre ritornava a casa con una ventina di compagni dopo la liberazione di Torino. Il partigiano John torna all'azione dopo 50 anni e la sua voglia di lottare è invariata, anche se oggi il nemico è subdolo, meno identificabile, nega se stesso ed il suo passato per riconquistare il potere. John riabbraccia il suo fucile, gesto non di negazione o violenza, ma di amore assoluto per il maggior bene che conosciamo e che ci è dato possedere: la libertà

Gli Africa Unite sono un gruppo dub reggae di Torino

La preghiera dei banditi (Atarassia Grop) - Atarassia Grop

https://www.youtube.com/watch?v=VoYOdLppndo

Brano originale degli Atarassia Grop è una supplica che i partigiani, spregevolmente definiti "banditi" dagli assassini nazifascisti, rivolgono al Cielo

Gli Atarassia Grop sono un gruppo punk di Como

Eurialo e Niso (M.Bubola, M.Severini - S.Severini)- GanG & Yo Yo Mundi

https://www.youtube.com/watch?v=GVR4b6o1x6w

Euryalus e Nisus sono due giovani guerrieri profughi di Troia, costituiscono un grande esempio di amicizia e di valori che Virgilio teneva a riportare in vita con la sua opera. Sono raccontati dai F.lli Severi e Massimo Bubola nelle pagine della Resistenza italiana nel album Storie d'Italia (1993)

In questa versione interpretata da Gang e Yo Yo Mundi

L'ultima superstiste - mcr

https://www.youtube.com/watch?v=OTRJq5WVMu4

Canzone originale dei MCR (1996) riporta i ricordi della guerra di Liliana, zia di un componente dei MCR

Liliana è una bimba, ha 11 anni e vive a Bettola. Il 23 giugno 1944 i tedeschi circondarono cautamente alcune case situate nei pressi del ponte, penetrati nella casa di Liborio Prati e Felicita Prandi, due vecchi di 70 e 74 anni, li uccisero insieme alla loro figlia Marianna. La casa venne poi depredata ed incendiata. La bambina undicenne Liliana Del Monte si gettò da una finestra per salvarsi, ma fu ripresa e gettata in una stalla che bruciava, riuscendo però miracolosamente a sopravvivere. A questo punto i nazisti passarono alla locanda della Bettola, dove per mezzo di un interprete, si fecero aprire la porta dall’oste Romeo Beneventi. Fecero uscire le donne, i bambini e gli uomini, radunandoli in parte nel garage dell’albergo ed in parte dietro la casa. I primi furono mitragliati, poi ricoperti da tronchi d’albero, cosparsi di benzina e dati alle fiamme per incenerirne i cadaveri. Coloro che invece erano stati radunati dietro al grosso fabbricato, vennero trucidati a bastonate ed a colpi di pistola, quindi gettati anch’essi nel rogo insieme agli altri. Tra loro fu arso vivo Piero Varini, un bimbo di appena 18 mesi.

In questa versione (2005) i MCR sono accompagnati da Fiamma